LETTERA della Superiora Generale alla Congregazione

S.C.G.A. 00-317 Warszawa, ul.Wiœlana 2; t.0-22/826.55.64 fax 0-22/828.35.85, e-mail:frusjk@post.pl 


      

E il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi

(Gv 1, 14)

Molto amate Suore,

 

nel Suo ineffabile amore, oggi Dio ci concede di rivivere, con tutta la Chiesa, il mistero dell’Incarnazione del Suo Figlio – l’unione della natura divina con quella umana.

 

Nonostante che dal giorno della nascita di Gesù a Betlemme siano trascorsi  oltre duemila anni, ogni anno liturgico ci permette di rivivere questo fatto e ci esorta all’adorazione e a rendere presente questo evento nella nostra vita quotidiana.

 

Mettiamoci in ascolto delle parole di san Giovanni Evangelista, il quale, nel Prologo al quarto Vangelo parla del mistero dell’Incarnazione: Il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi; e a quanti però l’hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio (Gv 1, 12. 14).

 

Di tutto cuore voglio augurare a noi tutte, che le feste del Natale del Signore di quest’anno, possano approfondire la consapevolezza di ciò a cui ci invita Dio, a quale misura dell’umanità (cfr. 2 Cor 10, 13). Che questa verità sulla nostra dignità ci conduca ad una nuova qualità di vita e ad una maggiore misura dell’amore.

Rimanendo in adorazione accanto al presepio di Gesù, destiamo dentro di noi il desiderio di leggere, nel mistero dell’Incarnazione, i desideri del Cuore Divino riguardo a noi stesse, alla nostra Congregazione e a tutta l’umanità.

Le nostre comunità si trasformino in Betlemme – “casa del pane”, dove non soltanto spezziamo, come vuole la tradizione, il pane bianco di Natale, ma condividiamo la nostra vita, tutto ciò che è buono e bello in noi, e allo stesso tempo, apriamoci ad ogni bene e ad ogni bellezza, che scorgiamo negli altri.

            Con il pensiero, con la preghiera e con il cuore abbraccio tutte le Comunità sparse nel mondo intero, ciascuna di voi, Suore amate, le nostre famiglie, i nostri amici e i nostri ospiti, che trascorrono con noi la sera della vigilia.

            Saluto cordialmente ed auguro gioiose feste natalizie –

 m.Francesca Sagun

Santo Natale 2007

 

LETTERE della SUPERIORA GENERALE alla CONGREGAZIONE